PRATICA DEL
BENESSERE
OTTIMALE


Stile Alimentare
Attività fisica
Integrazione

PERCHE’ INTEGRARE?


Oggi l’integrazione alimentare ha conquistato a pieno titolo il gradino di “terzo fondamento del benessere” che, attraverso l’uso corretto e consapevole di supplementi nutrizionali sicuri e di qualità, può efficacemente supportare la perdita generale di nutrienti dal cibo, oppure intervenire in caso di inosservanza e impossibilità ad assumere le corrette quantità, specialmente di frutta e verdura.

Rispetto a 30 anni fa, quando gli integratori erano usati quasi esclusivamente nello sport e in pochi altri casi, da un ventennio è cresciuto l’interesse e l’esigenza di integrare più frequentemente e in ogni fase della vita, dal concepimento fino a età avanzata.

Perché?

Eppure in TV gli “esperti” continuano a dire che “per stare in salute basta alimentarsi in modo sano ed equilibrato, senza tuttavia fare esempi concreti, praticare attività fisica e seguire uno stile di vita sano”. E’ vero e va bene ricordarlo, ma siamo ancora sicuri che oggi questo stile basti ancora? Altri esperti dicono che l’integrazione non serve, affermazione con la quale concordo pienamente se riferita a un “certo tipo” di integratori e pertanto si tratta di una valutazione troppo generica e superficiale, visto che non sono tutti uguali. Altri ancora dicono che vanno bene, ma solo se prescritti da medici o specialisti.

Ricerche e studi degli ultimi 2 decenni, confermano una diminuzione sostanziale di nutrienti dal cibo e l’aumento importante di inquinanti tossici all’interno di alimenti come frutta e verdura, cereali, legumi, carne, pesce, latte, uova. Nessuno di questi “esperti” della TV ne parla o comunque se interpellati tendono a sminuire il fenomeno, quindi la gente non lo recepisce come un problema, ma è proprio qui che bisogna riflettere attentamente.

Cosa mangiamo davvero?


Questa è una ricerca che evidenzia la perdita di nutrienti:
https://www.autodifesalimentare.it/blog/la-dieta-mediterranea-oggi-nutre-solo-a-meta


Questa tabella del 2007 invece riassume un quadro poco entusiasmante sull’aumento di inquinanti e sostanze tossiche negli alimenti.


Quali sono le cause dell’impoverimento?

– Terreni esausti dovuto alle colture intensive.

– Crescita rapida e forzata al solo scopo di ottimizzare la produzione a discapito della qualità.

– Perdita della stagionalità.

– Uso eccessivo e spesso ingiustificato di fertilizzanti e fitofarmaci chimici e tossici, per arricchire il terreno impoverito e contrastare i parassiti.

– Inquinamento ambientale: polveri sottili, acque irrigue e falde.

– Uso di gas e agenti chimici per massimizzare conservazione e trasporto.

– Conservazione e cottura a casa.

Cosa dicono gli esperti di tutto questo? Nulla. E tu come la pensi? Ti invito ad approfondire questo argomento perché scoprirai le cose che non dicono. Fai LA TUA ricerca, studia, informati e diventa più consapevole del mondo in cui vivi.


…e dopo la QUALITÀ…
la QUANTITÀ.


CHI RIESCE A RISPETTARE IL FABBISOGNO MINIMO GIORNALIERO DI FRUTTA E VERDURA?

Quante porzioni di frutta e verdura dovremmo assumere ogni giorno? Una mela oppure 8? Il fabbisogno minimo viene indicato per la prima volta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità negli anni ’80 con 3 porzioni (1 di frutta e 2 di verdura). Negli anni ’90, sempre OMS le porta a 5 (2 di frutta e 3 di verdura), indicazione ufficiale che a tutt’oggi resta la più diffusa ma che solo 1 italiano su 10 riesce a rispettare (e si tratta del consumo minimo).

I dati ci sono, ma chi li consulta?

Rapporto nazionale “Passi 2010”: consumi di frutta e verdura in Italia. Fonte EPICENTRO: portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica a cura dell’Istituto Superiore di Sanità: https://www.epicentro.iss.it/passi/rapporto2010/R2010Nutrizione


In parallelo a questi dati, un crescente numero di scienziati, biologi e ricercatori di tutto il mondo, nell’ultimo decennio, indicano che al fine di colmare la perdita di nutrienti, il fabbisogno minimo dovrebbe aumentare almeno a 10 o più porzioni. Vista la statistica “PASSI 2010” è chiaro che si tratta di una soluzione molto complicata e irrealizzabile per la maggior parte della gente.


IN CONCLUSIONE …
PERCHÉ INTEGRARE?

Considerata l’effettiva qualità degli alimenti e la quantità di frutta e verdura nell’attuale stile alimentare medio, l’integrazione guadagna a pieno titolo il gradino di terzo fondamento del benessere perché aggiorna e completa l’indebolimento dello stile salutare tradizionale.

Tuttavia, solo la motivazione e la volontà di migliorare il proprio benessere, aiuta a capire come cambiare gradualmente e definitivamente lo stile. Il mio compito è supportare, accompagnare e aiutare a correggere la routine passo dopo passo.

Qui l’articolo su “Lo stile completo”:
IL BENESSERE OTTIMALE


CHIEDI UNA CONSULENZA

Don`t copy text!
×

Contatta il Consulente su WhatsApp

×