LA NATUROPATIA

Sono un Operatore Olistico del Benessere Naturale (Naturopata) e mi rendo conto che pochi sanno cos’è, cosa fa, quando e perché chiedere supporto al Naturopata. Alcuni la confondono con un altro genere di professione e per questo ho deciso di fare chiarezza pubblicando una serie di articoli.

LO SCOPO

All’interno di uno dei miei testi di studio preferiti, “MANUALE UMANO D’ISTRUZIONI” dell’autore e maestro Francesco Antonio Riggio (https://www.scuoladivita.info), si chiarisce molto bene e fin dall’inizio, che “La Naturopatia si propone di stabilizzare l’equilibrio energetico di ogni individuo, senza il quale affiorano disfunzioni e malattie”….pertanto, la Naturopatia:

  • consente alla persona di ritrovare la serenità e il vigore necessario a sostenere il benessere psico-fisico ottimale.
  • ha un ruolo di prevenzione e non di terapia.
  • è un approccio globale che coinvolge l’intero organismo, corpo-mente-spirito.
  • essendo funzionale al benessere non ha controindicazioni perché non cura malattie.

Purtroppo, nella Naturopatia sono confluite troppe discipline discutibili, moltissime delle quali senza riscontro scientifico e spesso anche in contraddizione tra loro.

Questi sono i motivi che mi hanno spinto a scegliere una scuola che ho “sentito” più vicina al mio pensiero e soprattutto al mio essere. Un progetto formativo di divulgazione scientifica nel campo olistico di cui potevo fidarmi e al quale potevo affidarmi perché NON basato sulla pseudo-scienza o sulla superstizione, ma esclusivamente sulla razionalità e il “buonsenso”.

Una scuola in continua evoluzione e con una visione oggettiva di questa realtà, che mette in evidenza ed espone gli errori e gli abusi commessi in nome di questa Disciplina (per ignoranza o per inganno), al fine di restituire alla Naturopatia quella dignità che merita, offrendo di conseguenza il valore del raziocinio e della giurisprudenza.

LA LEGGE

Leggi che rendono legittima la professione dell’Operatore Olistico del Benessere Naturale (Naturopata) e Operatore Olistico del Benessere Spirituale (Life Coach):

  • Legge N.04 del 14 Gennaio 2013
  • Artt. 3,4,5,41 della Costituzione Italiana
  • Artt. 2060, 2061, 2229 del Codice Civile

Esistono anche sentenze e pareri positivi nei confronti delle Discipline Olistiche, che delineano e differenziano dall’attività estetica e sanitaria:

  • Sentenza T.A.R. Veneto N. 00226/2013
  • Sentenza Corte Costituzionale N. 98/2013
  • Sentenza Consiglio di Stato N. 3378/2016
  • Sentenza Consiglio di Stato N. 3641/2015

Esistono anche sentenze e pareri positivi nei confronti delle Discipline Bio-naturali, che le delineano e differenziano dall’attività estetica e sanitaria:

  • Parere MI.S.E. 194665/2014
  • Risoluzione MI.S.E. 85939/2015

LE VERITA’ SCOMODE

La Naturopatia che ho scelto di studiare, seguire e praticare NON è un’attività paramedica ne tantomeno da ciarlatani, ovvero quel genere di attività dove si vorrebbe produrre gli stessi risultati cui mirano il medico o lo psicologo, attraverso l’uso di strumenti spesso inefficaci, privi di fondamento scientifico se non per il loro effetto placebo e suggestivo.

Queste che ho appena descritto sono la “naturopatia commerciale” e la “naturopatia abusiva”, che avrebbero la pretesa di diagnosticare e curate malattie in modo “alternativo” e pertanto praticabili comunque esclusivamente dalla classe medica.

L’UNICA forma di Naturopatia praticabile da chi NON è medico, è quella sotto forma di “Consulenza e Prestazione d’opera intellettuale”, perché NON è rivolta a modificare alcunché nella persona, ma è impegnata a informarla, educarla e renderla consapevole di quello che potrebbe essere uno stile di vita più corretto, ideale e funzionale al benessere ottimale, senza imposizioni ne prescrizioni ma soltanto attraverso l’informazione e l’esercizio basato rigorosamente su dati e azioni riconosciute scientificamente, come la sana alimentazione, l’attività fisica salutare e l’integrazione alimentare sicura e consapevole.

La Naturopatia intesa come diagnosi e somministrazione di “cure naturali”, rientra invece nella fattispecie dell’abuso della professione medica, quando svolta da persone non abilitate in ambito sanitario.

IL NATUROPATA

Quando è impostata come professione di Consulenza, disciplinata dagli articoli 2222 e seguenti del Codice Civile, in quanto prestazione d’opera intellettuale, è invece praticabile anche senza essere in possesso di alcun titolo accademico o autorizzazione sanitaria, perché non opera in questo ambito e non persegue obiettivi sanitari.

Manifestare di aver acquisito studi specifici di Consulente Olistico del Benessere Naturale (Naturopata), di Consulente Olistico del Benessere Spirituale (Life Coach) e aver ottenuto (per quanto NON richiesti dalla legge) attestati e certificazioni di buon apprendimento delle materie, è tuttavia dimostrazione di conoscenza e competenza specifica, nonché una garanzia in più rispetto alla loro assenza.

I “carteggi” appesi al muro o pubblicati sul web, tuttavia non bastano per essere un buon Naturopata professionista. La Naturopatia è coscienza e consapevolezza della delicatezza del compito, conoscenza approfondita dei meccanismi che regolano la salute e il benessere (non la malattia perché è di competenza medica) e soprattutto la coerenza tra ciò che si dice ciò che si fa, perché è proprio questo l’aspetto importante che “fa la differenza” e che permette al Naturopata di sapersi davvero confrontare con una persona sotto il profilo del benessere, saperlo ascoltare, entrare in empatia, capire e comprendere la sua realtà per poterlo consigliare, correggere e guidare nella ricerca del SUO percorso di benessere, il più affine alla sua persona.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi sapere quando uscirà il prossimo? Segnala la tua mail qui sotto e riceverai un avviso. Grazie!

    Richiesta preavviso nuovo articolo

    Chiedi una consulenza gratuita

    Essereilbenessere.it P.IVA 02258630033 Riproduzione vietata - Tutti i diritti riservati
    Don`t copy text!