IL MIO PENSIERO

CONSIDERAZIONI SUL BENESSERE

Troppa gente vive nella “cultura del malessere, ovvero segue uno stile di vita disordinato e distratto, che porta ad accorgersi del proprio benessere solo dopo averlo perso. Perché accontentarsi di “non essere malati” e accettare di vivere ogni giorno in “riserva”, con la paura della malattia e in allerta continua? Se non vuoi ammalarti ci devi pensare prima!

Non esiste solo malattia e salute, ed è falso credere che “non essere malati” sia prova certa di stare in pieno benessere. Non è così, ma ci si ricorda e si riconosce il valore della propria salute solo quando si rischia di perderla. Quanto è irrazionale questo atteggiamento mentale?

Ecco perché serve la cultura del BENESSERE, basata sul “gioco di anticipo” e utile a fare il “salto di qualità” PRIMA che il malessere abbia il sopravvento. Una condizione fisica e mentale ottimale, utile a proteggersi in anticipo. Invece, si preferisce dare ancora la salute per scontata, senza porsi domande, giustificando ogni tipo di eccesso e negando a se stessi l’opportunità di scoprire che esiste uno stile di vita altrettanto piacevole ma molto più utile e “salutare”.

Per quanto mi riguarda, va bene così, non devo convincere nessuno, non sono un predicatore ne un guru (ce ne sono già troppi) e non mi interessa fare proselitismo. Parlo per “ragion veduta”, visto che in passato anch’io pensavo proprio nello stesso modo sbagliato. Poi ho capito e soprattutto ho scoperto come fare scelte diverse. La VITA è fatta di scelte che (nel bene o nel male) determinano ogni giorno ciò che siamo oggi e ciò che saremo. Il futuro dipende dal PRESENTE. Il futuro è solo il “presente continuo”.

“Sono uno come te, non più di te e solo qualche passo più avanti a te. Ti basterà mettere i piedi nelle mie impronte per un po’ di tempo e potrai andare dove vuoi e fare ciò che vuoi”.

L’ideale è trovare la “propria dimensione di benessere”, quella che piace, non faticosa da mantenere perché decisa da altri, la più affine e nella quale sentirsi sempre a proprio agio. Esiste? Certo! Per trovarla serve però un po’ di tempo perché non è un interruttore ON/OFF. Solo la pratica e l’allenamento permettono la conquista del risultato. Molti ci provano improvvisando e poi rinunciano, altri hanno solo buone intenzioni e rimandano, altri ancora declinano in partenza perché si sentono inadeguati. Solo pochi riescono. Perché?

Perché mancano i fondamenti, le basi, i pilastri dell’impalcatura su cui costruire: motivazione, metodo, azioni e cultura del benessere. I buoni propositi, non bastano. Occorre mettere tutto in discussione: abitudini, credenze e opinioni sorrette dal nulla, prive di argomentazioni. Serve abbandonare l’ego spirituale, il “sentito dire” e accrescere la conoscenza. Il Naturopata ha il compito di alleggerire e semplificare questa fase critica, accorciare i tempi e i rischi del “fai da tè”, mettere in sicurezza la persona nella fase iniziale e nei primi passi lungo il cammino, aiutandola a risolvere scuse e giustificazioni.

Capita spesso di sentire l’esperto di turno che in TV dice: “una dieta sana ed equilibrata offre tutto ciò che serve“. La domanda è “…ma che serve a fare cosa?” Perché, se è per sopravvivere, va bene, ma se è per vivere in salute, non sono così sicuro.

La qualità degli alimenti non è mai stata così carente e scadente come oggi. Tutto bello da vedere, attraente, sicuramente buono e saporito al palato ma ben poco o per nulla nutriente. Ricco di calorie e povero di tutto il resto, in particolare mancano le giuste quantità di micronutrienti. Basta alimentarsi in modo disordinato e distratto per alterare i delicati equilibri del corpo e aumentare i rischi di patologie, infezioni o anche solo di invecchiare precocemente.

E inoltre, chi fa davvero questa “alimentazione sana ed equilibrata”? Conosci un bambino o un adulto che mangia verdure da 3 a 5 volte al giorno? E lo stress? Oggi non è più momentaneo (quello recuperabile), oggi è stress continuo e cronico, che logora l’organismo, la mente e il cuore, perché fa perdere amore verso se stessi. Una condizione che in passato non esisteva.

E la lista dei “fattori avversi” sarebbe lunga, ma evito di appesantirla!

Come vorresti essere e sentirti ora? Se lo sai immaginare, quello è l’obiettivo. Se non lo sai immaginare, posso aiutarti a farlo, vederlo, programmarlo e in entrambi i casi, farti da guida. Avrai strumenti, equipaggiamento, qualcuno vicino che può correggere il tuo passo sbagliato quando serve, che ti aiuta ad evitare i pericoli e a vincere la paura di non farcela. Il merito della conquista sarà solo tuo e una volta ottenuta, avrai le basi, le fondamenta su cui costruire. Da lì in poi potrai solo migliorare e perfezionarti. Nulla potrà più distrarti o farti tornare indietro.

Decidi ORA di fare un salto di qualità definitivo per impattare positivamente sul tuo benessere, trasformandolo e portandolo a un livello superiore, potente e duraturo.

Chiedi una consulenza gratuita su Zoom, Whatsapp o Telegram

Chiedi una consulenza

Essereilbenessere.it P.IVA 02258630033 Riproduzione vietata - Tutti i diritti riservati
Don`t copy text!